"Chan fhaca mi aingeal no naomh
ach chuala mi fhuaim na mara 'gus eilean mo chridhe
na theis meadhan"

Colum Cille, 7° sec. D.C.

Condividi

Esplora I Links

*Links
*Blog
*Forum
*Cultura Celtica e Celtismo
*Gruppi di rievocazione
*Arte e Artisti
*Musica Celtica: Link Utili
*I Musicisti: Siti Ufficiali
*Pubblicazioni Celtiche
*Manifestazioni
*Altri Link

Facebook

 

 

[HomePage]
[Blog] [Guestbook] [Facebook] [Forum] [Stampa]

Turlough O'Carolan

L'ultimo arpista irlandese

L’arpista e compositore Turlough O’Carolan visse in un periodo particolarmente drammatico della storia d’Irlanda: negli anni della sua vita il vecchio mondo gaelico subiva l’invasione da parte della nuova cultura Anglo-Irlandese, conseguenza delle guerre di Cromwell.
Turlough O' Carolan nacque a Newton, nella contea di Meath (An Mhì), nel 1670. Suo padre, fabbro, si trasferì presso la famiglia di Mc Dermott Roe, a Ballyfarnan, nella contea di Roscommon (Ros Comàin), portandosi dietro il giovane Turlough. Ammalatosi di vaiolo a diciotto anni e per questo divenuto completamente cieco, venne aiutato dalla moglie di Mc Dermott Roe, che lo aiutò economicamente e lo spinse a studiare musica presso un vecchio arpista.
Dopo tre anni di apprendistato, ormai ventunenne, Turlough cominciò il suo viaggio attraverso l'Irlanda come compositore e bardo itinerante.
Il talento di Turlough, la sua preparazione musicale, la sua grande capacità di improvvisatore lo resero ospite atteso e gradito presso tutte le grandi famiglie della nobiltà irlandese. La sua fama conquistò Dublino, dove, in diversi soggiorni, venne a contatto con i maggiori poeti irlandesi della sua epoca e conobbe la musica di Vivaldi, di Corelli e del suo allievo Geminiani, e di Haendel. Germiniani si era recato spesso a Dublino, ma non si sa se abbia mai incontrato O’Carolan. Probabilmente ciò non si verificò mai.
Alcune delle composizioni di Turlough risentono chiaramente dell’influenza del Barocco italiano tipica del tempo, e in particolare di questi musicisti.
Sebbene ad opinione dei suoi contemporanei non fosse un arpista brillante, essendo stato iniziato alla musica non più così giovane e completamente cieco, e nonostante non fosse particolarmente valido nemmeno nella scrittura dei testi poetici con cui accompagnava le sue canzoni, la figura di Turlough O’Carolan resta impressa nell’immaginario collettivo grazie alla sua grande predisposizione per l’invenzione melodica.
La maggior parte delle sue composizioni (circa duecento) era dedicata ai suoi ‘padroni’ e ai suoi amici: in proposito, il brano Mrs McDermott, realizzato per la moglie di McDermott Roe, sua prima mecenate, mentre Doctor John Stafford si riferisce ad una ‘ricetta’ di un certo dottor Stafford che che, consultato sullo stato di salute dello stesso O’Carolan, contro il parere di un altro medico, gli consigliava di tornare al suo amato whiskey. Sheeberg & Sheemore invece, la sua prima composizione, celebra una battaglia leggendaria fra gli abitanti di due colline fatate.
La musica di O’Carolan è sopravvissuta grazie alla trasmissione da musicista a musicista, secondo la tradizione del bardo irlandese: nulla si sa su parti di basso, armonizzazioni e decorazioni che il compositore e gli esecutori contemporanei della sua musica potrebbero avere usato. È verosimile che gli arrangiamenti più semplici e leggeri siano anche i più autentici. Non esiste praticamente chitarrista interessato alla musica celtica che non si sia imbattuto nelle stupende composizioni dell’arpista cieco, perchè praticamente tutte le sue creazioni musicali sono state riarrangiate in versioni per chitarra, arpa e flauto da moltissimi musicisti celtici.
Nel 1738, nella casa di Ballyfarnan, dopo una lenta ma lucida agonia, Turlough O’Carolan compose il suo ultimo brano, Farewell to music: su queste meravigliose e semplici note egli diede il suo addio definitivo alla musica che l’ha reso immortale nell’immaginazione di tutti.
Poi, il 25 marzo di quello stesso anno, egli morì, nella stessa casa dove aveva iniziato il suo viaggio attraverso l’Irlanda, quarantasette anni prima.
Venne sepolto a Kilronan, nella cappella della famiglia McDermott. Oggi tale cappella è semidiroccata e senza tetto, ma frequenti sono i fiori freschi sulla sua tomba.

Per chi volesse approfondire l'argomento, consiglio il libro "Fair Melodies - Turlough Carolan: An Irish Harper, di Art Edelstein", edizioni Noble Press. Purtroppo il libro non è edito in Italia e occorre ordinarlo via internet alla casa editrice o direttamente a Mr Edelstein. Il libro riassume le notizie storiche e biografiche sul grande arpista, sintetizzando in gran parte il contenuto dello storico e ormai introvabile tomo di Donal O'Sullivan, "The life and times of an Irish harper". Su internet potete trovare delle notizie interessanti nell'ottimo sito in inglese www.contemplator.com/carolan, dove potete trovare anche dei brani di Carolan da ascoltare in Midiformat.

Ala


[HomePage]
[Blog] [Guestbook] [Facebook] [Forum] [Stampa] [Torna su]




Esplora il Sito

di _Rici '86_

*Contatti

*Home Page
*Blog
*Facebook
*Guestbook
*Forum
*Collabora
*Utilities & Download
*Links
*Rici86

Visite

dal 26 luglio 2004:

Ti piace il sito? Votalo!

Aggiornato il

Ultimo aggiornamento della pagina:


Versione 3.5
26/10/2011

Credits

*Banner
Personalizzazione di un'immagine di Luca Tarlazzi (i Triskell).
© Trentini SRL
Via P. L. Nervi, 1/B
44011 Argenta (FE) - Italy
Tel.: 0039-0532-318149 - Numero Interno: 151
Fax: 0039-0532-310084
E-mail:
[email protected] e [email protected]
Web:
www.3ntini.com
www.trigallia.com
*Contenuti e grafica:
Ove non espressamente indicato, i contenuti delle pagine sono di Rici86 e collaboratori.

Disclaimer

Per tutto ciò che non è qui sopra riportato, sono indicati gli autori e i legittimi proprietari. Se non fosse così, la mia svista è in buona fede. Vi prego, nel caso di negligenza in tal senso, di contattarmi.
Quest'opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons